Tag

fashionweek

Browsing

Erin Heatherton - Victorias Secret Fashion Show 2011-01-3000x1996

 

Erin Heatherton, best known for being an angel for the lingerie giant Victoria’s secret from 2008 to 2013, spoke her mind ,about her absence from the last two shows and that famous catwalk.


Early this week, on Instagram, the model pubblished a shot of herself, explaining that now she loves her body, and that she became a true woman, a true version of herself and not fabbricated.


But before this photo, let’s recap. She started her career quite young, in 2006, starring in campaigns for the likes of Valentino and Karl Lagerfeld, to the general pubblic and gossip lovers, she is salso known for her brief romance with Leonardo di Caprio back in 2011.


2013 was the beginning of her drama, ready to slay with her wings on the catwalk for the show following her regime, eating healthy, working hard in the gym like an athlet, twice a day. Something happened. Her body didn’t want to collaborate. She felt the pressure of Vs team and their will for Heatherton to lose weight. But things didn’t happen.


After a gym class, alone in her room, she started questioning: “Do I really have to eat in order to achieve, the “perfect weight”and please my client?.
Erin stated several time this week that she felt so depress and unsatisfied. That thought, was a wake up call for her. After a couple of days she decided to leave Victoria’s secrets.


She is still a successful model, as we can see from her recent shoot for Sports Illustrated 2016.
SO BRAVO ERIN,ONE LITTLE CHANGE, CAN CHANGE EVERYTHING IN YOUR LIFE!

 

erin-heatherton-at-victorias-secret-fashion-show-runway-nyc-03

aa86g775-m_2782903a

NEW YORK, NY - NOVEMBER 09: Model Erin Heatherton walks the runway during the 2011 Victoria's Secret Fashion Show at the Lexington Avenue Armory on November 9, 2011 in New York City. (Photo by Jamie McCarthy/Getty Images)

Erin Heatherton at Victoria’s Secret Fashion Show in New York

asil

2015-09-27T130108Z_1075492944_GF10000223132_RTRMADP_3_FASHION-MILAN

 

Come ogni anno Milano si presta a diventare la capitale mondiale della moda, dedicando il mese di settembre alle nuove tendenze e alle sfilate dei designer più famosi del mondo. In questi giorni sono stati organizzati molti imperdibili show per presentare le nuove collezioni della Primavera – Estate 2016

Il nostro Videomaker Gennaro Gentile non poteva mancare all’evento più fashion dell’anno, catturando per noi degli scatti di street style mozzafiato accompagnato dalla bellissima modella Xenia Tchoumitcheva.

Per la prossima stagione calda avremo un ritorno dei look di fine anni ’60, Miuccia Prada punta su un capo che ha fatto la storia, un capo classico ed elegante, il tailleur, con materiali rivisitati e impreziositi, mentre Costume National ripropone un tailleur total black di seta con linee morbide che accarezzano il corpo, una rivisitazione che fa rinascere un capo che per molti anni è stato considerato passato.

Jeremy Scott invece, alla guida di Moschino, ha dato vita ad un vero Fashion show, puntando tutto su un look anni ’80 ispirandosi a Barbie, un invasione di rosa in passerella, con modelle dai look che ricordano la famosa bambola Mattel, dal capello biondo platino, all’occhiale da sole a cuore, una sfilata dai look molto colorati, freschi e divertenti.

Selfie-show invece per Dolce e Gabbana, le modelle interpretavano delle turiste straniere appena sbarcate in Italia, e arrivate alla fine della passerella si sono divertite a scattare dei selfie pubblicati direttamente sull’account instagram della maison. Domenico e Stefano ci sorprendono come ogni anno, proponendo abiti scivolati e stampati con i paesaggi delle località turistiche italiane, un vero omaggio al nostro bel paese.

Giorgio Armani propone un look molto maschile, ma allo stesso tempo elegante e pieno di grazia, celebrando la femminilità di oggi. Look al maschile anche Bottega veneta con tailleur pantalone in stile comouflage celebrando la libertà e lo stile individuale.

 

 

Prada

Documenti20

Costume National

Documenti16

Moschino

Documenti17

Dolce&Gabbana

Documenti18

Giorgio Armani

Documenti19

Bottega Veneta

Documenti21

 

Photo by: Elle.it

marta russo
Web director/Image consultant

Moschino-Fall-Winter-2015-2016-Milan-Fashion-Week-29-1050x700

 

E’ fondamentalmente un “ritorno al passato” quello che abbiamo visto durante questa ultima Milan Fashion Week Fall/Winter 2016, traslato e condizionato dalla nostra epoca moderna della tecnologia, ma pur sempre rivolto indietro con gli anni.

Apre questo trend Alberta Ferretti, che nella sua collezione plasmata sul velluto e mohair, mette in scena il Rinascimento, nella sua accezione più barocca e opulenta, dove gli abiti si arricchiscono di ricami barocchi in oro e bordeaux, le pellicce nobilitano le lunghe gonne in organza, e i colletti delle camicie nelle loro rifiniture e ricami diventano gli elementi dominanti di ogni singolo look.

 

Documenti1

Documenti2

 

Nella stessa direzione si muove anche il sardo Antonio Marras, che mette in passerella tailleur, gonne a campana e caban nelle forme classiche ma plasmati su tessuti preziosi arricchiti di pizzi, merletti e ricami barocchi ispirati agli arazzi sardi lasciati dalla dominazione degli Asburgo. Marras dedica la sua collezione all’amica Benedetta Barzini, aprendo il tema degli effetti inteso sia come rapporti di amicizia, sia come rapporti famigliari.

 

Documenti3

Documenti4

 

Famiglia rappresentata nella sua più reale e profonda accezione da Dolce&Gabbana, che dedica la sua collezione alla famiglia, alla maternità. Sfila una meravigliosa Bianca Balti all’ottavo mese di gravidanza con il pancione, seguita da modelle con bambini per mano o tra le braccia, che diventano elemento dominante nelle sfilate. Gli abiti presentano le forme tipiche dei due stilisti, a tubo, a clessidra e lunghezze midi. I tessuti sono il prezioso sangallo siciliano, le sete, il broccato, ma in questa stagione si arricchiscono di ricami ispirati ai disegni dei bambini, quasi come fogli da disegno bianchi lasciati ai disegni a pennarello dei propri figli. L’elemento della famiglia, della maternità e della scuola si mantiene anche nei colori: domina il rosa confetto, l’azzurro pastello, il bianco candido tipico delle camicette scolastiche dei bambini degli anni ‘80/’90.

 

Documenti5

Documenti6

 

Ultimi decenni del ‘900 ripresi nel loro stile anche da Anna Molinari, che nella linea giovane di Blugirl decide di cotonare e fare la permanenti ai capelli delle modelle, mette le ovatte alle giacche, alza il cavallo ai pantaloni, allunga le gonne e mette in passerella la moda degli anni ’80, modernizzata però dai ricami floreali stilizzati che donano un’allure fresca e giovane a queste giovani ragazze.

 

Documenti7

Documenti8

 

Chiude in chiave ludica e giocosa Jeremy Scott per Moschino, che riporta in vita il mito di Space Jam, di Micheal Jordan, del film del 1996 dove i cartoni animati della Looney Tunes si “mescolavano” ai famosi giocatori di basket dell’epoca. E così vediamo divise della MBA arricchirsi di figure animate, il viso di Bugs Bunny, Gatto Silvestro e Titti dominare su giacche e casacche, lo stile dell’Hip hop e underground prendere vita sulla passerella milanese, e i graffiti a murales delle metropolitane trasformarsi in abiti di alta moda. Ancora una la moda è un continuo cerco in evoluzione tra presente e passato.

 

Documenti9

Documenti10

 

Photo by: MarieClaire.it

© Copyright – Veronica Volpi – 2014 Tutti i diritti riservati