Now Reading
Intervista a CHIARA CARCANO: “Mi definisco una Good Vibes Influencer”

Intervista a CHIARA CARCANO: “Mi definisco una Good Vibes Influencer”

Seguitissima sui social, Chiara Carcano è apprezzata per la semplicità e la genuinità che la contraddistinguono e che mantiene intatte nonostante il successo.

Chiara Carcano è una ragazza di 27 anni, nata il 29 ottobre del 1991 (sotto il segno dello scorpione, così che per gli appassionati questo dice molto) originaria di Seregno (in provincia di Monza), appena trasferita a Milano.

Non volevo diventare Influencer, non era il mio obiettivo, e soprattutto non esisteva ancora questa figura a cui ambire. Mi ci sono trovata. Diciamo che ero nel posto giusto al momento giusto. Fin da piccola ho sempre amato condividere e raccontare ad amici e parenti le cose belle che mi succedevano: quelle belle, quelle brutte, dalle più banali o alle cose più assurde. Questo non per egocentrismo o altro, ma per il puro piacere di condividere. Non sono una ragazza invidiosa, e così come mi piace ascoltare gli aneddoti che accadono agli altri mi piace raccontare quello che succede a me. Ho iniziato a farlo anche sui social: seguivo le persone che mi interessavano e raccontavo la mia vita con la stessa naturalezza di quando chiacchieri con un amico attraverso foto e video,
mostrandomi a 360 gradi senza filtri. Contemporaneamente sono arrivati i programmi televisivi da Donnavventura al Wind Summer Festival fino a C’è posta per te, che mi hanno fatta conoscere a un gran numero di persone.

Essere Influencer richiede un particolare stile di vita, differente da quella comune. “Giornata tipo” non esiste. L’unica certezza è che: “ogni giorno a Milano una Chiara Carcano si sveglia e sa già che dovrà correre i suoi 5 km per guadagnarsi colazione, pranzo e cena!” Scherzo. Sono una sportiva e mi piace ritagliarmi 40 min di tempo esclusivamente per me prima di iniziare la giornata.

La sveglia, quindi suona presto sebbene vari di giorno in giorno e dopo il mio risveglio muscolare parte subito quello celebrare. Ho una vita lavorativa molto instabile, in quanto mi capita spesso di dormire fuori casa, in giro per il mondo.
Se non registro video o parto con c’è posta per te, sto tante ore al computer. Lavorando come speaker è fondamentale ogni giorno informarsi sul mondo, su quello che accade, per raccogliere informazioni utili da utilizzare in puntata; se non studio per la radio, lavoro per il web, in particolare per il mio canale instagram. È difficile raccontare quanto lavoro ci sia dietro se non si utilizza Instagram esclusivamente ad un uso privato: giornalmente si fanno degli shooting fotografici per le aziende che si ha come sponsor, si vagliano le proposte di nuovi progetti oppure si cercano nuove idee e si trovano nuove ispirazioni per dei contenuti creativi.
Oltre le foto e video personali, sono autrice del format #cosifantutte3 insieme alle mie due socie Arianna e Alessandra. Un format web nato quasi due anni fa, in cui raccontiamo in forma di pillole video i disagi ed i problemi femminili. È un continuo: stare al computer – stare al telefono. Stare al computer – stare al telefono. Tutto il giorno, tutti i giorni senza fermarsi.
È un mestiere molto creativo, che amo, che mi da tantissimo ma che mi toglie altrettanto perché non avendo orari da dipendente, sei sempre connesso (in tutti i sensi).
Il web è veloce, cambia rapidamente, devi sempre dare qualcosa, condividere, ispirarti, creare e questo comporta tanto lavoro, stress e ansia, ma è il rovescio della medaglia perché come tutti i lavori ci sono i pro e i contro.

Ci ha spiegato Chiara

L’influencer è chi riesce con il suo modo di fare, parlare e di comunicare ad influenzare altre persone. Penso che sia una dote, un talento, che non tutti hanno. Non è facile rompere lo schermo di un telefonino ed entrare nelle vite delle persone come se fossi una loro amica (virtuale).
Chi è influencer ha un grossa responsabilità, e questo è una delle cose che cerco di ribadire sempre anche sui miei social. Non sai mai chi ti sta ascoltando e non sai mai che effetto hanno le tue parole su chi le sta sentendo. Hai sicuramente un gran numero di persone che ti seguono e il rischio di influenzare nella maniera sbagliata è davvero alto.
Per questo, banalmente, non c’è differenza sul mio profilo tra un’advertising (#adv) e un consiglio normale che voglio dare, perché a prescindere dal fatto che io sia pagata o meno per farlo, qualsiasi cosa dica, faccia o metta è perché è effettivamente così. Non promuoverei mai qualcosa che non esiste anche nella mia vita offline. Io mi definisco una “good vibes influencer” mi piace trasmettere della buona energia e comunicare messaggi positivi, divertenti, belli con il mio modo ironico che ho di comunicare. Questo non significa che non racconto le sfighe della mia vita (ormai ci sono ormai abbonata!) Anzi! Cerco di far vedere sempre il lato positivo, perché c’è sempre un motivo per sorridere.

  • Il tuo lavoro è spesso soggetto a critiche, sia per le polemiche sulla fonte di guadagno che per i frequenti insulti degli Haters. Cosa pensi di tutto questo?

Penso che ci siano tante persone che non conoscono ancora questo mestiere. Non capiscono e non colgono il lavoro che ci sta dietro a ciò che loro “semplicemente” vedono postato: che sia una foto o che sia un video. Non vedono i problemi, le ansie, le fatiche e il tempo speso e dedicato ad ogni post. Però più che rispondere alle critiche, alle frustrazioni o alle cattiverie che spesso si leggono, la domande che io farei a chi insulta è questa: ma se questo lavoro per voi è tanto semplice, facile, bellissimo e meraviglioso… perché invece di perder tempo a insultare, non investite queste energie nel provarci anche voi?
Ribadisco quello che dicevo ad inizio intervista, non sono una persona invidiosa e se qualvolta lo sono stata di sicuro si trattava di una invidia positiva, convertita in stimolo per migliorarmi a livello personale.

  • Ad oggi sono molte le ragazze che intraprendono la carriera di Influencer. Qual è il tuo tratto distintivo?

Non lo so, dovrebbero dirlo gli altri. Io sono semplicemente Kiki.
Penso però che l’unicità sia una delle mie peculiarità. Non ho mai cercato di emulare nessuno, sono sempre stata me stessa, nel bene e nel male, non ho mai voluto piacere a tutti, e per questo può capitare di non essere capita ma tranquilli, è normale.. talvolta non mi capisco nemmeno io!

See Also

  • Una domanda che interesserà i tuoi numerosi fan ed estimatori: sei single o fidanzata?

Sto inguaiata. 😊

  • Ci descriveresti il tuo uomo ideale?

Mah, allora, fisicamente normalmente mi piacciono i mori con gli occhi neri, mentre mentalmente sono attratta dai “casi umani” per di più complicati. 😊 

Tra dieci anni mi vedo una donna in carriera e spero tanto mamma di una splendida famiglia. Il mio più grande sogno lo sto realizzando piano piano: fare della mia passione il mio lavoro, quindi spero che tutto continui verso questa direzione.

  • Puoi anticiparci qualcosa sui tuoi prossimi progetti lavorativi?

Tante cose continueranno, altre cose verranno abbandonate, diciamo che sto per aprire un nuovo capitolo della mia vita. Al momento sono euforica, eccitata ed entusiasta ma al tempo stesso ho tanta paura perché stanno per partire diversi progetti personali che per me sono un’incognita, uno, in particolare, di conduzione televisiva a cui tengo molto (perché ci sono legata a livello affettivo).. ma ancora non posso…… aprir bocca!!

What's Your Reaction?
Excited
2
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top