Ritorno al vinile negli ultimi anni

Il fascino del passato non è mai stato così forte, ultimamente è evidente il ritorno al vinile. Il giradischi è una di quelle invenzioni leggendarie che non passa mai di moda. Era passato un po’ in secondo piano a causa della digitalizzazione, ma ora sta facendo un vero e proprio ritorno. 

All’inizio del secolo, il vinile è stato quasi completamente cancellato. 

È uno stereotipo di vecchia data che “le cose vanno meglio ai miei tempi” e, per molto tempo, c’è stato poco modo per dimostrarlo con grande efficacia, trasmettendo così questo detto ai bambini delle persone anziane dalla comodità delle loro poltrone .

Ma ora, nell’era moderna della tecnologia e dei nuovi media, abbiamo ottenuto l’accesso al passato, un legame tangibile con i “bei tempi andati” su cui questa affermazione viene finalmente messa alla prova. Da questo è scoppiata un’ondata di nostalgia che è esplosa attraverso l’uso della musica, della produzione cinematografica e della cultura popolare.

Il primo esempio che potresti guardare nella nostalgia dei media è la resurrezione dei dischi in vinile che sono in crescita da molti anni ormai.

Mentre il musical digitale è cresciuto in modo esponenziale su piattaforme di streaming musicale negli ultimi anni, ha anche creato un’esperienza completamente diversa: la musica in movimento. Questo ha certamente il suo posto, l’accessibilità è la chiave per gli artisti per aumentare l’esposizione al loro pubblico, ma ha anche rimosso parte della fisicità che rende la musica un’esperienza.

C’è stata una smaterializzazione della musica e il vinile ora offre una nuova, o per vecchia, esperienza tangibile. Un oggetto discografico più concreto ha la capacità di offrire agli ascoltatori una nuova connessione con l’artista, migliorando così il loro ascolto facendoli sentire più coinvolti.

Il vinile rende la musica più un’occasione, avere una copia fisica di un disco è qualcosa di “unico”, non solo la proteggi, ma si associano sentimenti ad esso.

Non solo questi brani musicali vengono raccolti, ma vengono raccolti anche vinili. I genitori distribuiscono i loro vecchi preferiti ai figli e li ascoltano insieme. Non solo questo è nostalgico per loro, ma dà ai loro figli una connessione con il loro passato, creando un sentimentalismo quasi di seconda mano. I dischi che hanno già vecchi ricordi ne hanno di nuovi. Si crea una storia più ampia attorno ad essa, il ciclo della nostalgia si ripete mentre i dischi ruotano.

Ritorno al vinile

Per portarlo in una direzione più antropologica, il vinile arricchisce attivamente l’esperienza dell’utente, ognuno come un totem con il potere di creare i propri rituali per coloro con cui si è affermato. Hanno la capacità di assumere un’avventura musicale personale e, più in generale, identificare diverse prospettive e valori culturali attorno all’uso e alla produzione della musica.

È qui che nasce la nostalgia e il vinile può catturare i momenti che suscitano queste emozioni e riprodurli per te quando ne hai bisogno più.

Nel corso dei successivi sei decenni, dischi e giradischi furono migliorati e standardizzati, con i dischi a 33 e 45 giri che soppiantarono la maggior parte degli altri formati negli anni successivi alla seconda guerra mondiale.

See Also

Negli anni ’70, la tecnologia dei giradischi si era evoluta. A quel tempo, le cassette andavano e venivano. I CD erano venuti e la vendita andava maggiorando. E i lettori MP3 erano stati sostituiti dai telefoni, così come le macchine fotografiche, le agende tascabili e le nostre vite sociali, più o meno.

Quest’anno, il 2022, segna il primo anno in più di una generazione da quando le vendite di dischi, vale a dire i dischi in vinile fisici, hanno superato le vendite di CD. Le ragioni sono essenzialmente due: il volume degli acquisti dei CD è diminuito drasticamente negli ultimi anni, mentre le vendite dei migliori giradischi e dei vinili sono aumentate notevolmente E mentre potresti pensare che dietro la rinascita dei dischi ci siano i nostalgici Boomers, in realtà i sondaggi mostrano che sono i consumatori millennial a guidare la tendenza in aumento nelle vendite di vinili. Il modo in cui la maggior parte delle persone ascolta la musica è cambiato. Si sente musica quando si è al bar, in macchina, in palestra, a volte passeggiando per strada, la sentiamo ovunque. In ogni negozio in cui entriamo lo sentiamo e consumiamo più musica che mai, ma non allo stesso modo. La possibilità di fermarsi e sedersi e ascoltare un album dall’inizio alla fine, è qualcosa che è sempre stato e sarà sempre rilevante.

Penso che sia naturale per qualsiasi generazione pensare che la tecnologia del loro tempo sarà sostituita dalla tecnologia futura e si estinguerà. In gran parte penso che sia così, tranne che per i dischi in vinile. C’è qualcosa di romantico nei dischi, qualcosa di soddisfacente nell’aprire la copertina dell’album, vedere il fantastico artwork e studiare le note di copertina mentre si ascolta l’album. Questo è qualcosa che i file digitali di oggi non possono semplicemente sostituire.

Mentre puoi toccare il tuo telefono e tirare su una canzone in pochi secondi, con un disco devi rimuoverlo dalla custodia, aprire la parte superiore del giradischi, posizionare con cura il disco in vinile e imposta lo stilo, quindi accenderlo e aspettare che quel caldo crepitio preannunci quella rara esperienza: la musica come attività, non come sfondo.

In un’epoca allo stesso tempo sempre più frenetica ma anche sempre più rinchiusa durante i giorni del distanziamento sociale del coronavirus, ora più che mai le persone stanno abbracciando questo classico approccio di “ascolto” alla musica. 

Quindi il vinile è qui per restare, a quanto pare, nonostante tutti i progressi tecnologici che avrebbero sembrato minacciarlo. 

What's Your Reaction?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top