Tag

uomo

Browsing

Il look perfetto per un businessman

L’abbigliamento business definisce per antonomasia l’uomo d’affari, colui che riveste un ruolo di responsabilità, quindi aspetto estetico e stile sono fondamentali. Il Businessman possiede un quid in più dal proprio abbigliamento da lavoro, a patto sappia sceglierlo con cura, senza estremizzare, indossando abiti adatti al contesto e soprattutto alla propria personalità. Nell’armadio non può mancare l’abito completo, due tinte richieste minimo, blu e grigio. Il gessato può rappresentare l’uscita dalla banalità, possono essere utilizzati gilet e giacche a doppio petto, da abbinare magari al cappotto. Immancabile il trench, leggero od invernale, blu o grigio o addirittura chiaro. Per la camicia invece meglio con taglio classico, tessuto di qualità e vestibilità perfetta, i colori bianco, azzurro chiarissimo e rigato risultano i più eleganti, ma si può azzardare con il colorato, ma senza esagerazioni, da evitare i colori shock e la camicia con disegni troppo elaborati, si rischia la carnevalata. Capitolo…

Pitti Immagine Uomo 87: Street style

Anche quest’anno come ogni anno dal 13 al 16 Gennaio è andato in scena Pitti Immagine Uomo 87 che anticipa come sempre le sfilate milanesi. Noi di Just Fashion Magazine non potevamo mancare alla manifestazione per eccellenza della moda maschile per regalarvi interviste e foto tratte dallo street style, per ispirare i vostri outfit e anticiparvi le ultime tendenze. Photography by: Ylenia Ravagli

Save the duck: il piumino senza piume

EN: Who says that duvet have to have the feathers? The idea of Nicolas Bargi, creator the Save the duck , the Italian brand ducks’ friend that uses only synthetic feather, it’s make a difference. Yes, because the Save the duck products are not made of real goose feathers, but of Japanese ultra-thin nylon and synthetic padding called “plume tech” inserted between the layers of nylon, so that makes duvet warm and very soft. The Save the duck duvets are made of bright colors and colorful patterns for both men and women. The autumn-winter collection offers padded jackets, blazers and jackets. While the spring collection offers sleeveless and short gilet. A great alternative to the classic duvet that respect animals and the ambient. IT: Chi dice che il piumino debba avere le piume? L’idea di Nicolas Bargi creatore di Save the duck , marchio italiano amico delle…

Milan Menswear Fashion Week Spring Summer 2015

Luci soffuse dai toni caldi del giallo e dell’arancio, un’enorme cupola in cristallo frastagliato che riflette i riflettori formando giochi geometrici surreali: si apre così la sfilata Missoni alla Fabbrica del Vapore di Milano. Il tema riflette il calore dell’atmosfera, ovvero il surf nella sua accezione più urbana e metropolitana. Le mute in tessuto impermeabile diventano giacche dal taglio sartoriale, la fantasia nelle sue texture della riga Missoni ricopre comodi pantaloni in spugna e cardigan adagiati con casualità sulle spalle dell’uomo, il bermuda diventa il capo principale della collezione. Ferragamo decide di vestire l’uomo d’affari e in carriera. Non casuale è la scelta della location in Piazza Affari, i cui colori predominanti del grigiore urbano dei palazzi, del cuoio delle valigette e cartelle di documenti, del petrolio delle Mont Blanc, predominano in camicie, pantaloni e coat. La giacca si fa a doppiopetto con chiusura a kimono, contrapponendosi agli shorts dalle…

Collezione Uomo Inverno 2014: Giorno #1

La settimana della moda maschile a Milano è iniziata, un calendario fitto di eventi per tutti gli appassionati del settore che potranno ammirare in anteprima 71 collezioni. Le migliori sfilate ad aprire la prima giornata di questo fashion week sono state:  Dolce & Gabbana  presentando una collezione forte, ispirati ancora una volta dallo stile della loro amata Sicilia. A presentare una collezione uomo audace e rock, Jonh Varvatos,  completamente ispirata al famoso gruppo dei Kiss. Costume National modella invece la sua linea sulla figura e sullo stile inconfondibile di David Bowie. PHOTO BY PIETRO D’APRANO